La corresponsabilità nella Chiesa

Domenica 28 febbraio sono stato invitato a Cesena, presso la chiesa dell’Osservanza, per avviare un percorso che accompagni le parrocchie della nuova Unità pastorale del Centro di Cesena a camminare verso una maggiore unità nell’impegno pastorale.
Mi è stato chiesto di proporre una riflessione sugli organismi di corresponsabilità ecclesiale.
Potrebbe sembrare una questione formale e per addetti ai lavori, ma in verità chiama in causa la realtà della Chiesa, chiamata a vivere la comunione, e il modo in cui vive la sua missione.
Il tema della corresponsabilità riporta all’attenzione anche sui processi decisionali dentro alla Chiesa e su come riusciamo a portare avanti quello che si decide insieme.

Gli organismi di corresponsabilità sono una novità del Concilio vaticano II; essi manifestano lo stile della comunione e l’impegno condiviso per la missione e sono l’elemento che rivela lo stato di salute di una comunità ecclesiale.
In questo tempo di grande crisi nella partecipazione dobbiamo ammettere che gli organismi di corresponsabilità stanno patendo una grande fatica e non sono poche le comunità ecclesiali che hanno rinunciato e viverli e a proporli come ambiti in cui si esprime concretamente la comunione tra i credenti.

Io personalmente ci credo ancora molto e, con questa riflessione, ho provato a dare il mio contributo, sostenuto anche dall’esperienza di molti anni di partecipazione agli organismi diocesani e parrocchiali, per tentare di aiutare coloro che non hanno gettato la spugna e scelto la via delle delega deresponsabilizzante.

Un grazie ai preti di questa neonata Unità pastorale della diocesi di Cesena che hanno voluto coinvolgermi in questo percorso di formazione.

Il video dell’incontro su YouTube

Come sale nella terra

Tutti siamo rimasti molto scossi dalla notizia della morte dell’ambasciatore Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e del loro autista.
Ma ciò che maggiormente colpisce è che in queste ore, invece della tenebra che questo terribile atto di violenza potrebbe far scendere sui nostri cuori, nei racconti, nei reportages, nelle reazioni, prevale la testimonianza luminosa di un uomo e di un cristiano che, insieme alla moglie, si è speso in modo coraggioso e competente nel servizio diplomatico affidatogli dal nostro Paese nella Repubblica Democratica del Congo. Veniamo a conoscere la testimonianza di un uomo – Luca Attanasio – che non semplicemente è stato malauguratamente ucciso da dei banditi (le indagini, forse, ci potranno dire chi sia stato), ma che ha dato la vita per costruire la pace e la fratellanza umana, facendo al meglio il proprio lavoro, sostenuto dalla sua fede.

Forse è solo una mia impressione, ma in queste ultime settimane, in circostanze difficili, tra tanti uomini e donne che si impegnano fattivamente per la rinascita del nostro Paese, stanno emergendo chiaramente anche dei cristiani e delle cristiane che, senza sbandierare in modo ideologico la loro appartenenza religiosa, ma anche senza nasconderla, si mettono al servizio del bene comune come testimoni di eccellenza nel campo della loro professione e delle competenze maturate nel loro percorso di formazione.

A volte lamentiamo l’assenza dei cristiani nel servizio della politica; ma forse non siamo capaci di riconoscere coloro che, senza clamore sono già impegnati in tutti gli organi vitali del nostro Paese e, con la loro testimonianza, oltre che con la loro competenza, stanno dando un contributo prezioso al bene comune.

Grazie all’ambasciatore Attanasio perché non è sfuggito alla responsabilità di essere testimone autentico di ciò che credeva. Grazie a tutti coloro che quotidianamente, anche rispondendo alla loro vocazione battesimale, svolgono un servizio nei vari ambiti del servizio alla cosa pubblica. Mi piacerebbe fare una lista, ma mi limito a ringraziare colui che, in diverso modo, ci rappresenta tutti e tutte: il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Governare

Governare è una questione difficile che richiede grande competenza, soprattutto in circostanze complicate.
Non è un caso che il termine abbia una radice nautica (vedi dizionario Treccani) e si riferisca primariamente alla capacità di manovrare un’imbarcazione per dirigerla secondo una rotta prestabilita e, solo per estensione, si possa utilizzare questo verbo per riferirsi ad altre realtà, come per esempio una nazione.
Il governo di una nave, come sanno tutti, è sempre una questione corale, e richiede un equipaggio che abbia fiducia in colui/colei che è posto/a a capo del governo, gli/le riconosca le competenze per ricoprire il ruolo che gli/le è stato assegnato e si senta rispettato/a nel ruolo di collaborazione necessaria che ognuno riveste. Nel caso di una nave non ci sono dubbi: è lapalissiano!

Poiché è quasi un anno che ci troviamo su una barca sbattuta dai marosi di diverse crisi congiunte (sanitaria, economica, sociale, climatica, migratoria, demografica, …), crisi peraltro condivise con altre “imbarcazioni” che fanno parte della medesima flotta, o che navigano nel medesimo mare, pare davvero importante sapere che chi deve prendere decisioni importanti per il bene di tutti coloro che sono sulla barca (ci siamo tutti, nessuno escluso), chi si è reso disponibile per governare l’imbarcazione e tutte/i coloro che, in vari ruoli, collaborano più strettamente con lui, lo facciano con competenza e dando il meglio di loro stessi/e. E’ la speranza che tutti nutriamo.

In altri momenti (e lo faremo sicuramente), potremo discutere sulle diverse quote che sono rappresentate tra coloro che sono stati/e chiamati/e a collaborare al governo della nave (uomini e donne, meridionali e settentrionali, appartenenti alle diverse correnti dei partiti, cattolici e laici, …), ma sinceramente ora ci interessa che il timone della nave sia in mani salde e che chi lo ha afferrato, oltre a conoscere le barche e il mare, conosca anche le regole della vita sulla barca (quella che, fuori di metafora chiamiamo la democrazia).

In antico si pensava che il governo fosse un’arte.
Chi si occupa di arte si sporca le mani, non ha paura di sudare, persegue una visione, affronta il sacrificio e sa entusiasmare altri condividendo visione e progressi successivi, motivando le scelte che vengono indicate e chiedendo a tutti di fare la propria parte, sapendo affrontare contestazioni e dissenso.
Nell’era tecnocratica le arti, anche se teoricamente si continua a riconoscerne il valore, sono state relegate ad uno spazio di nicchia: sono divenute antieconomiche, perché richiedono tempo e competenza che costa molto di più di quanto possiamo ottenere con l’utilizzo di una macchina, sia questa un pantografo o un software che, mediante algoritmi studiati appositamente, analizza il valore della popolarità e del consenso su determinate opzioni, determinando le scelte che è più opportuno (opportunistico) compiere.

Io non saprei governare. Sicuramente non una nave; certamente neanche una piccola amministrazione locale, figuriamoci il Paese.
In genere mi fido abbastanza di chi viene scelto, di chi è riconosciuto come competente per farlo. Mi riserverò di esprimere un giudizio sull’operato, sulla coerenza, sul metodo, sul coraggio dimostrati.
Per adesso direi semplicemente a chi ha le mani appoggiate sul timone: governa questa nave, valorizza il tuo equipaggio e portaci a casa perché non siamo fatti per vivere sempre in mezzo al mare.

Te Deum 2020

 

Sono stato tentato anche io dal pensiero di saltare il Te Deum in questo anno definito da tanti annus horribilis; ma sono stato trattenuto da una frase che, nella sua semplicità, rimane punto di riferimento: e cosa buona e giusta rendere grazie sempre e in ogni luogo a Dio
Sento che, in questa fine di anno, questo Te Deum sarà meno “di maniera”, meno di forma e più di sostanza, perché anche noi, abituati a vivere in un contesto garantito e programmabile, abbiamo fatto l’esperienza della precarietà e della povertà, esperienza ordinaria per i 4/5 dell’umanità con cui condividiamo questo pianeta malato.
Con uno spirito da poveri, da uomini e donne che hanno compreso un po’ meglio la vera condizione della loro esistenza, possiamo insieme con tutti gli “anawim” -i poveri di Dio-, innalzare il nostro rendimento di grazie alla fine di questo anno. 

Vorrei ringraziare Dio per la vita che abbiamo riscoperto come un dono prezioso. Per la mia vita, per la vita di coloro che amo, per la vita di tante e tanti che hanno incrociato il mio cammino, per la vita di tanti che non conosciamo, ma che abbiamo sentito come persone la cui vita vale impegno, professionalità, denaro, energie a vari livelli. Forse mai, come in questo anno, abbiamo avvertito in modo corale che la nostra vita è importante, non l’abbiamo data per scontata. Grazie per ogni vita umana, anche per quella dei tantissimi che ci hanno lasciato, dei quali sentiamo la nostalgia e curiamo responsabilmente la memoria. Per ogni vita che è un tuo dono, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare Dio per tutti coloro che, generosamente, hanno fatto il loro dovere ed hanno vissuto la loro professione come un servizio per gli altri. In questo anno abbiamo potuto scoprire il valore del lavoro di molti per tutti; abbiamo scoperto che ognuno è necessario per il cammino di tutti e che è essenziale che ognuno svolga responsabilmente il proprio lavoro come un servizio alla comunità. Più volte sono stati stilati elenchi ed oggi non li riscriverò perché vorrei davvero ringraziare il Signore per tutti, nessuno escluso; Lui conosce i cuori, conosce anche coloro che hanno lavorato in modo più nascosto ed è capace di comprendere tutti nel mio ringraziamento. Per tutti coloro che hanno compiuto generosamente il loro dovere, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare il Signore per le tante volontarie e i tanti volontari che si sono spesi, e che si spendono ancora oggi, per andare incontro ai più fragili e per aiutarci a non lasciare indietro nessuno. In particolare vorrei ringraziare per i giovani che, nel momento più difficile, sono usciti allo scoperto; per la loro intraprendenza, la loro capacità di aprire strade inedite, la loro fantasia. Per tutte queste testimonianza di servizio gratuito, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare Dio per la Chiesa e in particolare per papa Francesco che, fedele al mandato del Signore di confermare i fratelli, è stato ed è punto di riferimento per tanti nel tempo della tempesta. Per la Chiesa e per papa Francesco, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare il Signore per le tante intellettuali e per i pensatori che, durante questo anno, ci hanno aiutato a comprendere il senso di quello che vivevamo e ci hanno provocato a cogliere l’opportunità di cambiamento che questa situazione drammatica ci poneva innanzi. Grazie per coloro che non ci hanno abbandonato al cinismo del conteggio dei morti o al panico dei deficit di bilancio, ma ci hanno invitato ad alzare lo sguardo per traguardare l’orizzonte e scegliere la direzione verso cui camminare; ci hanno invitato a guardarci indietro, per riconoscere sia il bene che gli errori del nostro recente passato, e a fianco, per ricordare che questo cammino non dobbiamo farlo da soli. Per tutti gli uomini e le donne di pensiero, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare Dio per il tempo della mia quarantena, vissuta in isolamento, tempo di deserto e di vicinanza del Signore. Come ho già scritto, vorrei ringraziare il Signore perché mi è stato vicino; vorrei ringraziare il Signore per tutti i fratelli e le sorelle che in vario modo mi hanno accompagnato e non mi hanno lasciato solo; è stato decisamente un tempo di grazia. Per il tempo della quarantena e per i frutti che ha maturato, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare Dio per il tempo del discernimento personale, accompagnato dal vescovo Francesco, di fronte alla chiamata a diventare rettore del Seminario regionale. E’ stato un passaggio prezioso in cui mi è stato concesso di rileggere la mia vita, di pormi di fronte alle richieste della Chiesa, di scrutare il mio cuore e di rinnovare la mia fiducia in Dio che accompagna il mio cammino. Per questo prezioso tempo di discernimento, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare Dio per la parrocchia di Santarcangelo che quest’anno sono stato chiamato a salutare per partire verso il Seminario regionale. Vorrei dire grazie per tutte le persone che ho incontrato che mi hanno dato testimonianza di fede, di passione, di creatività e di impegno. Questi quattro anni sono stati un dono straordinario del Signore per i quali, con cuore pieno di gratitudine, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare Dio per la nuova chiamata al servizio in AGESCI come assistente ecclesiastico regionale. E’ stato un “sì” molto sudato ed un servizio iniziato e vissuto nell’emergenza, ma che mi ha dato la possibilità e la gioia di incontrare – anche al livello regionale di questa associazione che stimo – uomini e donne generosamente donati al servizio educativo. Non tutto è stato ed è semplice, ma ciò che prevale è sempre il desiderio di lasciare il mondo un po’ migliore, spendendosi nell’educazione delle giovani generazioni. Per le sorelle e i fratelli dell’AGESCI, noi ti lodiamo Dio.

Vorrei ringraziare il Signore per la comunità del Seminario regionale che mi ha accolto negli ultimi mesi di questo anno, una comunità piccola, ma vasta e articolata. Vorrei ringraziare per don Adriano e don Giampiero che con me condividono il servizio di formatori, per i formatori delle diocesi, per i vescovi. Vorrei ringraziare tutti coloro che a Bologna mi hanno accolto in modo cordiale e fraterno. In particolare vorrei ringraziarti, Signore, per i seminaristi, per la loro testimonianza di fede in te, perché si sono messi in cammino per seguirti più da vicino, per la loro voglia di spendersi per te, per la Chiesa e per il mondo. Ti ringrazio per la fiducia con cui hanno accolto la proposta che abbiamo loro rivolto, perché hanno accolto la sfida della corresponsabilità, perché si sono messi in gioco in modo creativo anche nel tempo della quarantena. Per la comunità del Seminario regionale, per la bella realtà che è e per la bella realtà che tu vuoi che diventi, noi ti lodiamo Dio.

Potrei andare ancora avanti ricordando l’accoglienza ricevuta questa estate dalla comunità di san Giuliano e ora da quella di Morciano, l’esperienza del cammino di san Benedetto, i tanti incontri vissuti in presenza e on line, le condivisioni fraterne sulla Parola di Dio, sulla vita ecclesiale, sulla condizione sociale e politica. Il Signore che scruta i segreti del cuore e al quale nulla rimane nascosto, conosce anche i molti grazie che posso dire solo nel segreto per i tanti segni della sua presenza e della sua misericordia.

Anche in questo anno 2020, così difficile per tanti,
noi ti lodiamo Dio, ti proclamiamo Signore, 
i cieli e la terra sono pieni della tua gloria.
Salva il tuo popolo, Signore,
guida e proteggi i tuoi figli.
Tu sei la nostra speranza,
non saremo confusi in eterno.

Elisabetta

Quando la fede e la profezia superano l’istituzione

In questi giorni che precedono il Natale, siamo accompagnati alla contemplazione del mistero dalla figura di Elisabetta.

Lei è il segno che è stato posto innanzi a Maria per aiutarla a credere che nulla sia impossibile a Dio (Lc 1,36-37); lei è colei che aiuta Maria a compiere il discernimento su quanto le sta accadendo, e a trasformare l’ “Amen” pronunciato liberamente e consapevolmente a Nazareth, nel Magnificat cantato e danzato ad Ain-Karim (Lc 1,46); lei è colei che dà seguito alle promesse di Dio, imponendo al bambino da lei nato quel nome (Lc 1,60) che l’angelo aveva indicato (Lc 1,13) e che solo in un secondo tempo sarà confermato dal padre Zaccaria (Lc 1,63).

Questo “protagonismo” di Elisabetta si oppone in modo evidente al mutismo di Zaccaria. Lui che – pur essendo sacerdote e primo destinatario della visione – non aveva creduto all’annuncio dell’angelo Gabriele, si trova ad essere muto, incapace di esprimere con le parole quanto Dio sta compiendo; a differenza di Elisabetta che, ripiena dello Spirito Santo, può dire ad alta voce come stanno le cose (Lc 1,41-42), riconoscendo l’azione benevolente di Dio che toglie la vergogna (Lc 1,25) e viene a salvare il suo popolo facendosi carne nel grembo verginale di Maria (Lc 1,43).

La figura di Elisabetta, nelle prime pagine del vangelo di Luca, risulta tutt’altro che un personaggio di secondo piano. Elisabetta agisce come una profetessa: è lei che sa aiutare Maria a riconoscere quanto Dio sta operando in lei; è lei che prende la parola di fronte al mutismo del marito e annuncia la novità che Dio sta per compiere, una novità che richiede un superamento degli schemi consueti.

Elisabetta (insieme ad altre figure del Vangelo di Luca) manifesta il primato della profezia sull’istituzione. Lei, macerata nel crogiolo del dolore e della vergogna per la sterilità, è divenuta vaso capiente per accogliere lo Spirito di Dio ed effonderlo – tramite la parola – sul popolo in attesa della redenzione. 

Mi chiedo se la figura di Elisabetta non possa aiutarci a cogliere il valore della profezia anche nel nostro vissuto ecclesiale.
A differenza del sacerdote – istituzionale per definizione -, il profeta o la profetessa agiscono semplicemente perché ispirati da Dio e inviati ad annunciare qualcosa di nuovo, qualcosa che esce dagli schemi, un intervento che Dio realizza nella storia.
Mi chiedo sinceramente se oggi, in questa realtà ecclesiale un po’ immobile e incapace di spiccare il volo, ci troviamo privi di profezia o siamo sordi al grido dei nuovi profeti e delle nuove profetesse che Dio ci manda.
Elisabetta ci ricorda che quella parola ispirata, spesso viene proclamata non da persone importanti, non dagli opinion makers che vanno in TV o che spopolano sui social, ma da persone che hanno vissuto a lungo l’esperienza della fede e della speranza in circostanze difficili e dolorose, e – se prendiamo sul serio quanto emerge da vangelo secondo Luca – più da donne che da uomini. Siamo disposti ad ascoltare? Siamo disposti a dare la parola? Siamo disposti a confermare quanto esse/i per prime/i affermano anche se esce dagli schemi?

Il mistero del Natale rappresenta la novità che Dio opera nella storia, l’inizio di quella nuova creazione che si compirà nella risurrezione di Gesù. Aprirsi a questa novità, essere disponibili ad accogliere gli interventi di Dio nella nostra storia è ciò che ci consente di vivere il Natale nella sua essenzialità. Dio che irrompe nella storia ci prepara ad accogliere questa novità, ci invia qualcuno che prepara la strada perché il Signore che viene ci trovi pronti e vigilanti.

PS: nelle rappresentazioni della Visitazione, molto spesso, Maria ed Elisabetta vengono rappresentate in primo piano, mentre Zaccaria rimane dietro, un po’ in disparte, ancora incapace di partecipare a quanto stanno condividendo coloro che sono ripiene dello Spirito.
Arriverà il momento in cui, confermando quanto la moglie aveva anticipato (Lc 1,63), anche la sua lingua si scioglierà e anch’egli, riempito di Spirito, potrà pronunciare la sua profezia sotto forma di benedizione (Lc 1,67-79).

Sterilità

Zaccaria ed Elisabetta

In questi ultimi giorni che precedono il Natale, le letture bibliche ci mettono davanti a storie dolorose di donne sterili. Il dramma della sterilità è molto presente nella Scrittura e spesso colpisce le madri di coloro che saranno chiamati ad essere grandi guide di Israele.
In particolare mi ha colpito ed ho letto insieme la storia di Rachele, moglie prediletta del patriarca Giacobbe, che diventerà la madre di Giuseppe e di Beniamino, la storia di Anna, che diventerà la madre del profeta Samuele e la storia di Elisabetta, che diventerà la madre di Giovanni Battista.
In realtà la Scrittura è molto sobria nel parlarci di queste donne e del loro vissuto, ma, in filigrana, si coglie bene il dramma che vivevano e la gioia della loro maternità. Pur essendo storie diverse, accadute in epoche molto lontane tra loro, mi sembra di poter riconoscere quattro tratti che le accomunano.

In primo luogo il grande dolore. La sterilità è vissuta da tutte queste donne come qualcosa di inaccettabile. Nelle storie di Rachele ed Anna questo dolore viene esternato in modo molto forte, quasi imbarazzante anche per i loro mariti (Cfr. Gen 30,2 e 1Sam 1,7-8). Nel caso di Elisabetta questo dolore è vissuto come una vergogna (Cfr. Lc 1,25).

Il secondo tratto è la fede di queste donne (e dei loro mariti), che non si rassegnano alla loro sterilità, ma continuano a riporre fiducia in Dio per ottenere il dono della maternità. Soprattutto Anna esprime questa fiducia nel Signore in una preghiera accorata e accompagnata dalle lacrime fluenti. Il dolore lancinante causato dalla sterilità non si chiude nella depressione, ma rimane aperto alla speranza nel Dio che dona la vita.

Il terzo tratto è la gioia e la gratitudine per la maternità ricevuta in dono. Tutte tre queste donne sono consapevoli che l’autore della loro maternità è il Signore, che è lui che le ha rese feconde e capaci di generare vita; a Dio sono grate per il dono dei loro figli.

Il quarto e ultimo tratto che accomuna queste storie di sterilità guarita è la libertà di donare al Signore i figli ricevuti in dono da Dio. Soprattutto Anna ed Elisabetta, così come la madre di Sansone (altra donna sterile sanata), sono consapevoli che il Signore ha reso fecondo il loro grembo perché i loro figli saranno destinati a compiere una missione. 

Come si può osservare da questi racconti, la condizione di sterilità, nella storia di queste donne (e dei loro rispettivi mariti), con tutto il suo carico di dolore e umiliazione, diviene la premessa provvidenziale che consente a Dio rivelarsi come colui che può capovolgere la situazione, prima di tutto per queste coppie di sposi e, tramite la loro fede nella potenza di Dio, riconosciuto capace di portare vita anche lì dove nessuno se la aspetterebbe (“nulla è impossibile a Dio” – Lc 1,37), anche a tutto il popolo.
C’è un percorso che siamo chiamati a vivere, un percorso che ci chiede di condividere il dolore e l’umiliazione per diventare partecipi della potenza di vita che il Signore è capace di realizzare per il mondo.

Anche le nostre chiese stanno vivendo un tempo di sterilità e di invecchiamento.
Ci sentiamo tutti come Zaccaria ed Elisabetta: siamo persone e comunità devote, giuste e zelanti, ma umiliate dalla sterilità a più livelli, in particolare sul piano vocazionale.
Mi chiedo se le storie di queste coppie non rappresentino un percorso che ci viene indicato.

Se così fosse, forse non siamo ancora arrivati a vivere il dolore per la nostra sterilità; non abbiamo sentito ancora la vergogna e l’umiliazione che tale sterilità rappresenta per Elisabetta e per Rachele; non ci siamo effusi in lacrime come Anna. La preoccupazione diffusa che serpeggia nella nostre chiese, non ha ancora toccato e condiviso questa esperienza di dolore profondo che diventa un grido accorato rivolto verso Dio.

Per questo motivo, appunto, la nostra preghiera è distratta e pigra. Invochiamo da Dio il dono di vocazioni per le nostre chiese, ma non in modo convinto, non come se fosse qualcosa da cui dipende la nostra vita. Non avvertiamo ancora come decisiva questa questione o la releghiamo a questioni di ordine organizzativo-gestionali, perché la nostra sterilità non ci scandalizza o perché ci siamo rassegnati.

Contestualmente non sempre siamo capaci di esprimere la nostra gratitudine per coloro (quei pochi) che il Signore ci dona, non sempre ci facciamo coinvolgere; non sempre sentiamo che la cosa ci riguardi. Abbiamo altro da fare, abbiamo altri impegni, non possiamo concederci di lasciarci andare alla gioia per un dono che il Signore concede alla nostra chiesa (o alle nostre chiese).
Mi colpisce quello che afferma Rachele alla nascita di Giuseppe, la quale, colma di gioia, si arroga il diritto, che solitamente spettava ai padri, di attribuire un nome al figlio tanto atteso: «lo chiamò Giuseppe, dicendo: “Il Signore mi aggiunga un altro figlio!”» (Gen 30,24). Perché la gratitudine diventa, come nel Magnificat, occasione per chiedere ancora di più!

Infine c’è l’ultimo passaggio che è quello della libertà. Lo diciamo sempre che i figli non sono i nostri e non sono per noi, ma questa sottile tentazione sempre ci seduce. Dopo tanta attesa, dopo tanto dolore sofferto, dopo tanta preghiera … ci viene chiesto di pensare non a noi stessi, ma al mondo. Dio fa così: ci ricolma di beni perché noi abbiamo la possibilità di farne dono agli altri. Anna ed Elisabetta ne erano consapevoli ed hanno accolto con fiducia questo progetto di Dio favorendolo e sostenendolo.

In questo Natale, mentre ci prepariamo a rinnovare la gioia per la nascita del Salvatore, non saltiamo troppo in fretta i passaggi che il Vangelo e la liturgia ci aiutano a vivere, perché essi hanno qualcosa di importante da dirci anche per quanto riguarda la vita delle nostre comunità ecclesiali.
Il Signore ci aiuti a vivere e condividere il dramma di questa sterilità come la premessa di quel capovolgimento che vuole realizzare per noi e per il mondo.

Democrazia ed efficienza

E’ grave!
Anche se in Italia non ci si scandalizza più di tanto, perché – purtroppo – ci siamo abituati, questo non diminuisce la sua gravità. Con l’operazione “Cashback” il servizio pubblico ha fallito l’ennesima prova di efficienza.
Ripeto: è grave!
Si può giustamente attribuire la colpa al governo di turno, ma è evidente a tutti che l’equazione che equipara servizio pubblico con inefficienza è consolidata.

In un paese democratico e attento al bene comune, ciò che è espressione dell’impegno diretto dello Stato e delle sue strutture, dovrebbe rappresentare il massimo dell’efficienza per tutto quanto riguarda salute, scuola, ricerca, assistenza, sostegno alla fragilità, e dovrebbe rappresentare il modello a cui tutti gli altri soggetti si riferiscono e che tutti desiderano equiparare. Ma purtroppo non è così!

Quando noi parliamo del valore della democrazia, non possiamo limitarci all’enunciazione di principi astratti o invitare alla corresponsabilità in modo moralistico (quando non in modo paternalistico). Chi vive in un sistema democratico deve vivere l’esperienza che tale sistema sia conveniente, che risponda in modo efficiente alle sue esigenze; si deve sentire custodito a fronte della sua fragilità perché il bene comune è davvero tutelato, e tutto ciò che lo riguarda personalmente viene compreso nella cura del bene comune.

Un sistema che si dice democratico, ma che dà frequentemente prova di inefficienza, o dove la percezione dei cittadini è di insicurezza e di scarsa tutela e cura da parte di chi gestisce il servizio pubblico statale, è un sistema che presenta un grave rischio di tenuta. Non si può continuamente provocare delusione, frustrazione, senso di sfiducia e poi pensare che i cittadini siano corresponsabili rispetto alla difesa del bene comune. Per questo è grave!

Quest’ultima prova di inefficienza rispetto ad un progetto promosso direttamente dal Governo del Paese per combattere l’evasione fiscale, incentivare il commercio di prossimità e venire incontro – seppure simbolicamente – alle difficoltà delle famiglie è tanto più grave quanto più esso si presenta come un’innovazione, come qualcosa che facilita, come la risposta semplice a problemi importanti. Non è ammissibile che in un progetto nuovo, in cui si investono risorse umane ed economiche si fallisca così miseramente (per l’ennesima volta).

A onor del vero occorre affermare che ci sono tanti esempi di buona efficienza nelle cose dello Stato sia nel campo della sanità, come della scuola, della pubblica amministrazione e della cura della fragilità, ma occorre riconoscere che tale efficienza non è necessariamente garantita dall’organizzazione della struttura, quanto piuttosto da persone singole che si impegnano oltre il dovuto, impiegando energie e tempo oltre il loro orario di lavoro, per consentire alle cose di funzionare a beneficio di tutti.
Dobbiamo ringraziare molto queste persone; esse ci portano la testimonianza che un sistema funziona solo se le persone si coinvolgono personalmente e fanno del loro meglio perché il servizio risulti davvero efficiente.
Mi piacerebbe che l’impegno di queste persone fosse riconosciuto, non tanto in termini economici, ma come un contributo essenziale al bene comune, che esse rappresentino non l’eccezione, ma il modello che consente a ciò che è pubblico e statale di essere davvero un servizio efficiente per tutti. 

Allora anche la nostra democrazia sarà un po’ più al sicuro.

A che ora nasce Gesù?

In queste settimane abbiamo assistito ad un confronto vivace sull’ora della prossima messa della notte di Natale, confronto che si è trasformato in un dibattito “teologico” surreale sulla “vera ora della nascita di Gesù”, un dibattito – peraltro – senza interlocutori ecclesiali. Inutilmente, infatti, preti, vescovi e teologi di ogni regione d’Italia si sono sforzati di far comprendere che per la Chiesa anticipare la messa della notte di Natale non costituisce alcun problema dal punto di vista “teologico”.
Ma ormai il “treno” era partito: tra coloro che dovevano difendere la verità della fede cattolica e l’assoluta indipendenza della Chiesa rispetto alle leggi dello Stato, e coloro che devono difendere la salute pubblica contro qualsiasi scriteriato (preti compresi), si è scatenato il solito confronto tra sordi, perché probabilmente gli interessi soggiacenti sono ben altri.

Ovviamente non voglio entrare in questo dibattito perché è assolutamente inutile, ma voglio spendere qualche minuto – cogliendo l’occasione – per ricordare cosa significhi per noi cristiani celebrare la nascita di Gesù e dare un breve contributo alla riflessione sulla libertà della Chiesa.

A Natale noi non festeggiamo il compleanno di Gesù; tantomeno facciamo finta che Gesù non sia nato, pensando che nasca realmente ogni anno (a mezzanotte ovviamente). Occorre affermare con determinazione che questo modo di pensare, sebbene sia diffuso, è errato rispetto alla fede cristiana.
Nella celebrazione liturgica di un evento come la nascita di Gesù (che per noi rappresenta l’incarnazione del Figlio di Dio), la comunità dei credenti fa memoria di quanto è accaduto irripetibilmente nella storia (più di duemila anni fa) e, mediante la liturgia, si rende presente a quell’evento diventando così partecipe del bene (della grazia) che Dio ha realizzato in quel momento della storia. E’ il rito che ci conduce a Betlemme, per contemplare insieme a Giuseppe e Maria, insieme ai pastori e ai magi la manifestazione del Figlio di Dio nella carne. Celebrare il Natale, per noi, significa ripartire da ciò che è accaduto nel momento in cui Dio ha voluto diventare partecipe della nostra vita quotidiana (“la carne” non è solo “ciccia”) nascendo a Betlemme.
Questo fatto non è legato ad un’ora. Infatti anche chi partecipa alla messa del giorno di Natale celebra lo stesso evento, diventando partecipe della medesima grazia.

Sul tema della libertà della Chiesa nei confronti dello Stato vorrei semplicemente ricordare che, come ogni persona, anche la Chiesa è chiamata a coniugare libertà e responsabilità; che non esiste una libertà senza la responsabilità e che la seconda ci obbliga in coscienza a riconoscere e a scegliere cosa sia il bene attraverso il percorso del discernimento.
E’ vero che la Chiesa è libera, ma è anche vero che questa libertà si declina nella responsabilità di scegliere quello che, in una determinata circostanza, appare come il maggior bene possibile. Se la Chiesa riconoscesse che il bene da custodire e da promuovere è quello di difendere la salute delle persone, collaborando con le disposizioni dello Stato, facendolo non è prona all’autorità civile, ma esercita la sua libertà con responsabilità, riconoscendo e perseguendo il maggior bene possibile, scelta che, a volte, implica la rinuncia a cose importanti.
A questo proposito mi è piaciuto l’intervento di mons. Camisasca, vescovo di Reggio Emilia, che richiama l’attenzione a non liquidare frettolosamente elementi simbolici, contenuti anche nel modo di celebrare la festa del Natale, importanti sia per le persone che per la collettività. Anche questa attenzione deve far parte del discernimento e condurre ad una scelta responsabile per il maggior bene possibile.

In ogni caso non è questo tempo di crociate, e chi le ingaggia, anche in questo caso come in altri della storia passata, non è detto che lo faccia per difendere la fede o la Chiesa.

Giovani: Riconciliazione e accompagnamento spirituale

Due giorni (17 e 18 novembre 2020) di riflessione condivisa a distanza con i preti della Diocesi di Faenza-Modigliana sul tema del sacramento della riconciliazione e sull’accompagnamento spirituale dei giovani.

Ricuperare la radice battesimale del sacramento della riconciliazione e valorizzare maggiormente il percorso di fede piuttosto che la dimensione morale; portare l’esperienza della riconciliazione dentro la prospettiva vocazionale, è stato il motivo dominante della riflessione condivisa nel primo giorno (nel link sottostante si possono scaricare le slides della relazione iniziale del primo giorno).

Faenza 17112020 I giovani e la «Penitenza»

All’accompagnamento abbiamo dedicato la seconda giornata, mettendoci in ascolto di alcuni “modelli biblici” che ci indicano gli atteggiamenti, le attenzioni e le méte di un accompagnamento che non sfugga all’attenzione di uno sguardo globale sulla persona, e che possa orientare i giovani in un cammino di libertà autentica, che trova nella fede una risposta ai desideri profondi (nel link sottostante si possono scaricare le slides della relazione iniziale del secondo giorno).

Faenza 18112020 Accompagnamento

Grazie di cuore per lo scambio fecondo che è avvenuto. Forse presto saranno diffuse le registrazioni dei due incontri.

1000 piccoli semi

Questa mattina mi sono svegliato un po’ più tardi ed ho pubblicato un po’ in ritardo il commento alle letture… poi sono corso alla celebrazione delle Lodi mattutine con la comunità del seminario.
Ritornando nella mia stanza e recuperando il telefono, trovo un messaggio che non mi aspettavo: congratulazioni per aver scritto 1000 articoli su “Una (P)arola condivisa”.
Bello! Grazie!

Ho pensato non ad un record (chissene), ma a come giorno per giorno si può seminare un piccolo seme della Parola di Dio affidandolo a questo grande campo che è la “rete internet”, senza sapere dove andrà a finire o come porterà il suo frutto.
A noi è chiesto di seminare.
Mille piccoli semi attraverso questo piccolo-grande strumento sono stati sparsi.
Altri e molti di più -spero- in altri contesti.
Purché il Vangelo venga annunciato” (Fil 1,18).

(P)arolacondivisa.blog

Buona domenica!

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

The Starry Ceiling

Cinema stories

COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA - Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION - A missionary look on the life of the world and the church

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

SantaXColombia

La Compagnia senz'anello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: