Desiderio di normalità

5816a2_1ceb299f47054a028a7e7ae2ce41e3dc_mv2

E’ bastata una settimana di restrizioni per l’emergenza sanitaria che tutti invocano a gran voce il ritorno alla normalità.
Lo invocano gli industriali e gli imprenditori dei vari settori, giustamente preoccupati delle conseguenze economiche di questa situazione.
Lo invocano i genitori (e i nonni) che, a causa della chiusura dell scuole, sono obbligati a giostrarsi in acrobazie ed incastri, per organizzare la custodia dei bambini, dovendo provvedere alle esigenze del lavoro.
Lo invocano i nostri politici, che si devono barcamenare in decisioni impopolari per sostenere quanto affermano prudenzialmente i medici…
Tutti desiderano tornare alla normalità.

Ma c’è qualcuno che, approfittando di questa pausa forzata, si domanda se quella “normalità” in cui ci siamo abituati a vivere, sia veramente desiderabile?
Perché non approfittare di questa pausa per riflettere su cosa, della nostra “normalità” potremmo cambiare, per renderla più umana? Perché non potremmo pensare di uscire da questa situazione, guadagnando una consapevolezza nuova, proprio a partire dall’esperienza collettiva di fragilità che abbiamo condiviso?

Il mio timore è che, il giusto desiderio di superamento di questa crisi, ci porti a non considerare che, qualcosa di utile, potremmo averlo imparato.
Non so che cosa possano aver  imparato gli altri, ma io, in questi giorni, sto studiando di più, sono più disponibile ad incontrare le persone singolarmente, sono meno affannato e mi godo di più i momenti semplici della nostra piccola comunità di preti.
Mi sento forzatamente un po’ più umano: e lo sento come un piccolo dono inaspettato.
Mentre anche io spero, con tutti, che l’emergenza venga presto superata, contestualmente mi domando se non ci sia qualche frutto che posso portare con me in quel tempo nuovo che mi attende quando tutto ripartirà.

Penso che lo stile della ripartenza dipenda un po’ anche da me e da quello che, in questi giorni, ho maturato. Penso che quello che potremo vivere potrebbe essere diverso e non semplicemente “normale”.

Pubblicato da tecnodon

Prete cattolico. Formatore in seminario ed Assistente AGESCI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

In Senegal con Don Jean Paul

Venire col cuore attraverso un gesto

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

Il treno delle pesche

Chiacchiere di cinematografia

Parrocchia Santarcangelo

San Michele Arcangelo

COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA - Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION - A missionary look on the life of the world and the church

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: