Cittadini

Questa mattina ho ricevuto la prima dose di vaccino. L’ho ricevuto a Morciano perché mi era comodo farlo lì. Mi sono recato alla fiera pensando di fare in fretta – così mi avevano assicurato – e invece, tra tutti i passaggi necessari, ho impiegato due ore, tempo che mi sono goduto osservando la gente che era intorno a me, che come me otteneva gratuitamente questo presidio contro una malattia che ha mietuto nel mondo quasi otto milioni di vittime e causato tanti danni dal punto di vista sociale ed economico.
Alcuni pensieri da questa esperienza.

La prima cosa che mi ha colpito è stata la gratuità: nessun cittadino è chiamato a pagare nulla per ricevere questo vaccino. So che in Italia questo lo diamo per scontato e sono convinto che sia giusto che sia così, ma non credo affatto che sia scontato, conoscendo quanto i governi del mondo stanno sborsando per acquistare questi vaccini e quanto le case farmaceutiche stanno guadagnando dalla loro vendita.
A me e a tutti coloro che erano con me questa mattina, è stato dato gratuitamente. Vorrei dire semplicemente grazie. E’ bella la nostra democrazia che riconosce la salute delle persone un valore e non un elemento su cui speculare.

La seconda cosa che mi ha colpito è che questa vaccinazione di massa, oltre che un grande valore sanitario e sociale, ritengo abbia anche un valore simbolico.
Molte persone convergono insieme per compiere un gesto importante per la loro salute e per la salute degli altri. Quella fila vissuta per tappe insieme a quelle persone, per me è stata l’occasione per riconoscerci uniti da uno stesso destino e desiderosi di compiere un gesto collettivo che segnasse la fine di una sofferenza. Mi sono tornate alla mente le immagini del presidente Mattarella e del presidente Draghi che si sono recati, come comuni cittadini, al centro vaccinale di Roma nella loro fascia di età. Lì per lì avevo pensato che fosse una sciocchezza; che fosse più giusto che loro avessero una corsia preferenziale; ma oggi ho compreso meglio il valore della condivisione di un gesto collettivo e di quanto sia stato importante per i rappresentati del popolo condividere la fila con tutti, perché in quella fila c’è il senso del procedere insieme, di un lottare insieme, di un condividere insieme una speranza.

La terza e l’ultima cosa che mi ha colpito è stata quella delle fasce di età.
Tutti quelli che dovevano fare la prima dose (come me) più o meno avevano la medesima età e sono stati molti coloro che si sono riconosciuti e, in quel lungo tempo in cui erano “costretti” ad attendere, si sono scambiati ricordi e notizie sul presente della loro vita. Mi ha molto divertito vedere e ascoltare queste/i cinquantenni ritrovarsi gioiosamente, trasformando un adempimento in un’occasione di ritrovo, ancora più bella dopo tanti mesi di distanziamento sociale.

Mi è piaciuto oggi sentirmi un cittadino insieme ad altri cittadini, condividere con tutti un impegno e una speranza. Io non ho perso la pazienza in quell’attesa, ma l’ho trasformata in un’occasione per riconoscere che qualcosa di prezioso stava accadendo proprio sotto i miei occhi. Sono molto grato per questa particolare esperienza vissuta che tra circa un mese si ripeterà per la seconda dose.

PS: una gradita sorpresa è stata scoprire che il medico che mi ha fatto il triage era un bimbo che ho accompagnato per la prima comunione alla Colonnella; è lui che mi ha riconosciuto e che ha voluto conoscere i passaggi che avevo vissuto in questi anni. E’ stato un altro elemento simpatico di questa giornata, anche se ha certificato ufficialmente il fatto che sono anziano 🙂 Deo gratias!

Pubblicato da tecnodon

Prete cattolico. Formatore in seminario ed Assistente AGESCI

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

The Starry Ceiling

Cinema stories

Inquietudine Cristiana

«Quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà la fede sulla terra?»

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

SantaXColombia

La Compagnia senz'anello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: