Il virus della paura e la terapia della fede

molte_acque

Molte persone sono spaventate.
Il modo di parlare di questa emergenza, il senso di precarietà e di insicurezza di fronte ad un pericolo insidioso, il venire meno delle abitudini che regolano le nostre giornate, le incertezze nelle indicazioni date da chi dovrebbe gestire l’emergenza, … tutto contribuisce ad alimentare la paura.
E la paura è una questione seria; fa molto male alle persone e le fa stare male. Non è sufficiente esorcizzarla con l’ironia; non è sufficiente una pacca sulla spalla: è un virus che chiede di essere debellato con una terapia efficace.

Il Vangelo tratta molte volte della paura, non la ignora e non la banalizza.
Il Signore ci incontra sulle nostre paure e ci apre vie di salvezza attraverso la fede.

Mi vengono in mente alcuni brani del Vangelo che ci possono aiutare a stare in modo evangelico di fronte alla nostra paura.
I discepoli sono in mezzo al lago di Tiberiade e le cose diventano difficili, non riescono più a governare la barca. Si fanno prendere dalla paura che si esprime con una frase molto forte: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?” (Mc 4,38). La cosa che ci spaventa di più, oltre le circostanze pericolose, è di essere indifferenti a Dio, che lui non si interessi di noi. La paura è un sintomo della debolezza della fede. Infatti Gesù, dopo aver calmato il mare in tempesta chiede: “Perché avete paura? Non avete ancora fede?” (Mc 4,40). La fede non è una forza magica che ci risolve i problemi o che ci rende impavidi di fronte alle circostanze difficili della vita. La fede è la consapevolezza che la nostra vita è custodita da Dio, che noi, in ogni circostanza, siamo importanti per lui, che la nostra vita è preziosa per lui anche quando deve passare attraverso situazioni difficili e fare i conti con la fragilità. Lui non ci abbandona! Possiamo fidarci della sua promessa.
A questo timore, che mina la nostra fede, Gesù risponde con una immagine molto bella: Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!” (Lc 12,6-7).

Un altro testo importante è quello che racconta di Pietro che chiede di camminare sulle acque con Gesù, e quando Gesù glielo consente, comincia ad avere paura e a sprofondare. Dalla bocca di Pietro sale quell’invocazione che attraversa tutta la storia dell’umanità e che è testimoniata da tutta la Scrittura; è l’invocazione che non dobbiamo aver paura di elevare a Dio: “Signore, salvami!” (Mt 14,30). Questa richiesta di aiuto non è umiliante per l’uomo, non è la certificazione della sua inettitudine, ma l’umile consapevolezza della propria fragilità e della grande possibilità che ci è data di poter chiedere aiuto.
Ogni mattina la preghiera della Chiesa inizia con questa semplice invocazione: “O Dio, vieni a salvarmi. Signore vieni presto in mio aiuto“. E’ la preghiera fondamentale dell’uomo che invoca ogni mattina, fin dai suoi primi passi nel nuovo giorno, l’aiuto e la salvezza del Signore. E i Salmi ci testimoniano che Dio non è sordo a questo grido di aiuto; ma quei Salmi ci invitano ad avere fede. Lo stesso Gesù, dopo aver steso la mano e sollevato Pietro dalle sue paure, lo richiama domandandogli: “Uomo di poca fede, perché hai dubitato?” (Mt 14,31). La fede non è un vaccino che ci rende immuni dalle situazioni difficili, ma ci riporta a Colui che può salvare la nostra vita garantendoci la sua presenza accanto a noi, quella presenza non risolve il problema, ma ci libera dalla paura.

L’ultimo testo che mi piace ricordare è quello che racconta l’esperienza delle donne la mattina di Pasqua. Matteo ci narra di un terremoto che tramortisce le guardie poste a custodire il sepolcro di Gesù. L’angelo che ribalta la pietra posta davanti al sepolcro dice alle donne: Voi non abbiate paura! So che cercate Gesù, il crocifisso. Non è qui. È risorto, infatti, come aveva detto” (Mt 28,5-6). L’esperienza della risurrezione di Gesù ci aiuta a vincere la paura più profonda, che è la paura della morte. La buona notizia della risurrezione annuncia che Gesù ha sconfitto la morte e ci rende capaci di attraversarla per ricevere in dono, da Dio, quella vita per la quale siamo stati creati: la vita eterna e divina. Anche in questo caso, è solo la fede che ci consente di non essere annientati dalla paura e di vivere quel passaggio sapendo di essere custoditi.

La fede però non si compra in farmacia o su internet. La fede è un tesoro prezioso che altri uomini e donne credenti condividono con me, con gentilezza, per amore.
Per questo, di fronte alla paura, è molto importante vivere quella fraternità che, oltre alla vicinanza umana, ci porta a riscoprire la risorsa più importante che Dio ci ha concesso: la nostra fede in lui.
Nel passato, di fronte alle grandi calamità naturali o in occasioni delle grandi epidemie, le persone si riunivano per invocare insieme l’aiuto di Dio, per sostenersi nella fede. Non era affatto una ingenuità. Era, ed è anche oggi, un modo importante per combattere la paura, per volgere lo sguardo a Colui che ci assicura il suo amore e la sua fedele presenza.
Per questo le nostre chiese rimangono aperte e noi sacerdoti disponibili agli incontri con le persone: non abbiate paura… di disturbarci.

Pubblicato da tecnodon

Prete cattolico. Formatore in seminario ed Assistente AGESCI

Una opinione su "Il virus della paura e la terapia della fede"

I commenti sono chiusi.

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

The Starry Ceiling

Cinema stories

Inquietudine Cristiana

«Quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà la fede sulla terra?»

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

SantaXColombia

La Compagnia senz'anello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: