Gesto interrotto

97363_mano_padre_figlio

Gesto interrotto“: fino a venerdì scorso non avevo mai sentito questa espressione che, invece, ho imparato essere comune in ambito pedagogico. Mentre ascoltavo Letizia, venuta a parlare alla nostra comunità capi di autoeducazione per i bambini di fascia 8-11 anni (lupetti e coccinelle), ad un certo punto è emerso nella sua esposizione questo concetto che, subito mi ha affascinato, introducendomi in una modalità relazionale che mi interpella. Nel (poco) tempo libero di questi giorni, ho navigato per capirne di più.

Per gli altri due viventi in Italia, che, come me, non sanno di cosa si tratti, riporto questa definizione: «Il prof. Andrea Canevaro parla di gesto interrotto per connotare il rapporto che, partendo dalla dipendenza, lascia spazio all’autonomia. “Il nostro gesto interrotto implica l’attesa di un completamento originale da parte dell’altro, implica una scelta.. che può essere assai diversa da quella che avevamo in mente…è l’accettazione dei limiti della propria azione. E’ il contrario del “fare al posto dell’altro per piccolo che sia”»

(http://www.istruzioneinfanzia.ra.it/content/download/128988/1565385/file/progetto ).

Proprio come nell’immagine che apre questa riflessione: una mano aperta che si lascia afferrare lasciando al piccolo la libertà di decidere come afferrare quella mano grande.

Pensando, mi è ritornato alla mente uno dei tanti “gesti interrotti” che sono raccontati nel Vangelo, quello che narra l’incontro e la guarigione di Bartimeo, il cieco di Gerico:

E giunsero a Gerico. Mentre partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: “Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!”. Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: “Figlio di Davide, abbi pietà di me!”. Gesù si fermò e disse: “Chiamatelo!“. Chiamarono il cieco, dicendogli: “Coraggio! Àlzati, ti chiama!”. Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. Allora Gesù gli disse: “Che cosa vuoi che io faccia per te?”. E il cieco gli rispose: “Rabbunì, che io veda di nuovo!”. E Gesù gli disse: “Va’, la tua fede ti ha salvato”. E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada” (Mc 10,46-52).

Mi ha sempre colpito che Gesù non vada da Bartiméo, nonostante questo sia cieco, ma lo chiama perché sia lui ad andare da Gesù, balzando in piedi, lasciando il suo mantello (atto di totale fiducia in Gesù) e venendo incontro al Signore. E’ straordinario lo spazio di libertà e di creatività che Gesù lascia a Bartiméo, consentendogli di esprimere in modo ancora più concreto la sua fede e la gioia di quella chiamata.

Pubblicato da tecnodon

Prete cattolico ed educatore Parroco a Santarcangelo e Assistente AGESCI

One thought on “Gesto interrotto

  1. Interessante! Penso che sia questo il vero senso dell'”e-ducare”, che significa letteralmente “tirare fuori” e non “mettere dentro” come comunemente si crede… Tirare fuori le aspirazioni, i talenti, i desideri dei bambini e dei ragazzi, perché scelgano e seguano la loro strada, e non mettere dentro i nostri, quelli di genitori, insegnanti, catechisti, allenatori…, nella speranza che qualcun altro realizzi i nostri sogni infranti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

In Senegal con Don Jean Paul

Venire col cuore attraverso un gesto

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

Il treno delle pesche

Chiacchiere di cinematografia

Parrocchia Santarcangelo

San Michele Arcangelo

COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA - Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION - A missionary look on the life of the world and the church

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: