Quando il cuore si apre e accoglie

L_arrivo_del_29_agosto_2017_dei_profughi_siriani_con_i_corridoi_umanitari_0

Oggi è un altro giorno molto bello!
Una seconda famiglia siriana arriverà a san Vito grazie alla pronta accoglienza della comunità parrocchiale che, in soli due mesi, si è aperta e preparata testimoniando una straordinaria disponibilità e coinvolgimento.
Tutto è partito dal 22 gennaio quando mi trovato in Libano ed ero a cena dalla famiglia di Sheik Abdo. I ragazzi dell’Operazione Colomba mi hanno parlato di questa famiglia con una storia molto dolorosa, aggravata dalla morte del capo famiglia per un tumore. Questa famiglia avrebbe avuto particolare bisogno di essere messa in sicurezza; essendo la sorella di Sheik Abdo, occorreva trovare una sistemazione non troppo lontano dal fratello che era stato accolto a Santarcangelo.
Decido lì per lì, durante la cena, di far partire un messaggio ai preti e ai diaconi della diocesi con i quali abbiamo un gruppo su WA. Il primo a rispondermi è don Giuseppe che mi chiede un incontro con le famiglie della sua parrocchia appena sarò rientrato.

Il primo incontro lo facciamo domenica 27 gennaio; un altro domenica 10 febbraio con la presenza di Sheik Abdo e di Matteo Chiani. Poi la macchina dell’accoglienza parte!
Oggi la famiglia di Umm Ktejba arriverà a san Vito in una comunità pronta ad accoglierla, ma – soprattutto – in una comunità che in questi due mesi ha riscoperto che l’accoglienza è generatrice di gioia e di vita.
All’inizio prevalevano le preoccupazioni: ce la faremo? Chi se ne occupa? Avremo abbastanza denaro? … tutte preoccupazioni giuste e naturali. Ma in questi giorni le preoccupazioni sono state superate dalla gioia che in questi due mesi è cresciuta nel cuore delle persone che hanno detto il loro sì. Era un piacere vedere i volti delle persone che preparavano la casa dove la famiglia sarà accolta, l’entusiasmo e il desiderio dell’incontro. Come è accaduto quattro mesi fa’ a Santarcangelo, oggi, a san Vito, tutti quelli che si sono coinvolti in questa accoglienza, sono già a pronti a riconoscere che questa possibilità che è stata loro offerta sia un grande dono.

Il primo a riconoscere tale dono è don Giuseppe, il parroco di san Vito, che proprio oggi compie 78 anni; da giorni ringrazia per questa coincidenza e per questo straordinario regalo di compleanno che la Provvidenza gli ha voluto recapitare.
Auguri a don Giuseppe (che questa mattina era a santa Marta a celebrare con papa Francesco); auguri agli amici di san Vito che oggi iniziano questa bellissima avventura; auguri a tutti noi se sappiamo aprire il cuore all’accoglienza e sperimentare la gioia che il Signore è capace di generare in noi quando vinciamo la paura e l’indifferenza.

WhatsApp Image 2019-03-28 at 09.07.25

Il gruppo in partenza da Beirut ieri notte. Ci sono anche i nostri amici di Op. Colomba (sulla dx)

WhatsApp Image 2019-03-28 at 11.30.11

Sheik Abdo abbraccia i nipoti in aeroporto

Una Risposta

  1. A dimostrazione che l’Amore è contagioso…😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

SantaXColombia

La Compagnia senz'anello

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: