Santarcangelo: verso le elezioni

santarcangelo-di-romagna-dintorni-hotel-adria-bellaria

Santarcangelo di Romagna, 15 gennaio 2019

Carissimi amici e amiche di Santarcangelo,
la nostra città si sta preparando a vivere un tempo fecondo che culminerà nelle prossime elezioni amministrative del maggio 2019; sarà un tempo fecondo perché persone in gamba e volenterose scenderanno in campo per mettere in gioco la loro disponibilità, il loro impegno e le loro competenze a favore dell’amministrazione della città e del bene comune. Avremo la possibilità di vedere ancora una volta che ci sono tra noi donne e uomini che, generosamente, si fanno carico di avanzare proposte e soluzioni perché la vita comune della nostra città possa sempre più migliorare nell’attenzione alle esigenze di ognuno.

Non posso nascondere la mia preoccupazione di cittadino, di cristiano e di parroco per il clima avvelenato che ha caratterizzato gli ultimi confronti politici nel nostro Paese e, purtroppo, anche nella nostra città. Il confronto politico che da sempre – in democrazia – dovrebbe portare a cercare insieme le soluzioni migliori per il bene comune, è divenuto scontro permanente, aspro, volgare, privo di regole e di scrupoli, farcito di menzogne e, apparentemente, orientato unicamente alla conquista del potere.
In questo tipo di “confronto” non c’è e non ci sarà alcuna fecondità.

Con grande umiltà e senso di inadeguatezza, sento il dovere di proporre a tutte e a tutti la scelta di uno stile diverso; mi rivolgo sia a coloro che si candideranno nei vari ruoli, sia a coloro che, in modo diverso, supporteranno liste e coalizioni: non è necessario scendere a certi livelli; non è dignitoso mostrare questo volto corrotto della politica; non giova a nessuno vedersi come nemici anziché semplicemente come avversari.
Dipende da noi, prima di tutto, dalle scelte che compiamo, non solo dagli altri.
Possiamo scegliere!

La parrocchia in quanto tale – mi sembra opportuno e giusto dirlo – non scende in campo con nessuno e non parteggia per nessuno… ma non per questo rimane a guardare in modo passivo. Il nostro impegno ordinario e quotidiano nell’educazione, nella solidarietà, nell’accoglienza, nell’integrazione e nell’assistenza, secondo lo spirito del Vangelo e nella prospettiva della dottrina sociale della Chiesa, ci rende soggetti attivi e interlocutori disponibili a collaborare con chiunque si impegni per il bene delle persone, per la giustizia e per una città solidale e amichevole.

Oltre a questo impegno ordinario, desideriamo proporci come soggetto attivo anche in questi tempi di confronto, proponendo una serie di incontri che recuperino l’attenzione su un testo fondamentale del magistero di papa Francesco: mi riferisco alla parte dell’esortazione apostolica Evangelii gaudium che parla di “Bene comune e pace sociale” (nn. 222-237).

eventi politici corretta-01.png

La speranza che anima il nostro vivere nel mondo ci rende capaci di sperare che, anche in questi frangenti, non sarà tempo sprecato quello che dedicheremo ad incontrarci, a guardarci in faccia con rispetto, a confrontarci con sincerità e trasparenza sui grandi temi che coinvolgono il vivere comune, riconoscendoci impegnati a costruire un mondo migliore, anche se partendo da punti di vista e prospettive diverse.

Con questo spirito vi invito a questi incontri che si terranno nel teatrino della Collegiata secondo il calendario riportato nel volantino. Potete a vostra volta invitare altre persone che ritenete interessate al confronto.

Con amicizia

don Andrea Turchini

2 Risposte

  1. Don Andrea caro, ti ringrazio per il manifesto. La Dottrina Sociale della Chiesa è un tesoro nascosto per tantissimi cristiani. Apriamolo. La pace, la giustizia, la solidarietà, l’integrità del creato non sono sogno proibito, ma società cristiana al possibile servizio dell’uomo. Questa è doverosa evangelizzazione oggi e sempre. P. Fernando della Madonna di Casale-Beato Pio Campidelli.

  2. Complimenti per il coraggio lucido e profetico di questa proposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: