Ambiguità

seguire-gesu-400x187

Il vangelo di questa giornata Mc 10,32-45 ci mostra un paio di situazioni di ambiguità: i discepoli seguono il Signore che, con decisione, li precede nel cammino, ma il loro cuore è pieno di paura, mentre due di loro – Giacomo e Giovanni – sono tutti presi da progetti ambiziosi (sedere alla destra e alla sinistra del Signore nel suo Regno).

Questa ambiguità potrebbe scandalizzarci.
La tentazione sarebbe quella di dire: che rinuncino a seguire Gesù; troppo grande è la distanza che li separa dal Maestro! Se sono così distonici con lui è meglio che vadano per la loro strada!
Questo scandalo, oltre che dalla giusta esigenza di coerenza, è dato anche da un certo idealismo che vorrebbe misurarsi con situazioni nette e pure: se stai con Gesù non ci possono essere ambiguità, o bianco a nero… l’ambiguità deve essere sempre risolta!

Non è di questo parere Gesù che con questi discepoli rilancia continuamente, riportando al motivo principale della sequela: avere il Signore Gesù come punto di riferimento, per lasciarsi plasmare e convertire da lui.
In effetti nel cammino di sequela l’invito alla conversione non appartiene solamente alla fase iniziale, ma è un processo continuo che tiene proprio presenti le continue ambiguità che caratterizzano il nostro cammino.

Il cammino della vita cristiana è un cammino di sequela che rimane aperto alla conversione e che accoglie tutte le nostre ambiguità, le nostre incoerenze, la nostra mediocrità, le nostre paure, … per porle sotto la luce del Vangelo e lasciare che proprio in questa fragilità il Signore ci venga incontro, si fermi con noi per istruirci e plasmarci, come ha fatto con i discepoli.
Accogliere queste fragilità del discepolo non significa giustificare l’incoerenza o la mediocrità, ma prendere atto con realismo della nostra esigenza di continua conversione al Vangelo – la persona viva di Gesù – che rimane sempre la “regola” su cui misurare la nostra vita. E’ proprio su queste ambiguità, a volte portate con sofferenza anche dal discepolo, che il Signore ripete anche a noi, come a Paolo: «Ti basta la mia grazia; la forza infatti si manifesta pienamente nella debolezza». E come Paolo anche noi potremo dire di fronte al Signore: «Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo» (Cfr 2 Cor 12,9).

Pubblicato da tecnodon

Prete cattolico. Formatore in seminario ed Assistente AGESCI

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

The Starry Ceiling

Cinema stories

Inquietudine Cristiana

«Quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà la fede sulla terra?»

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

SantaXColombia

La Compagnia senz'anello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: