DAT – Fine vita… e dopo la legge?

fin de vie whatsapp

DAT (disposizioni anticipate di trattamento) è una sigla che è entrata nel nostro vocabolario ed evoca situazioni dolorose e riflessioni importanti, quelle che molti di noi vorrebbero semplicemente evitare… pensieri di vita e di morte, non quella di una persona qualsiasi, ma pensieri sulla nostra morte e delle persone a noi care.

Abbiamo assistito ad un grande dibattito precedente alla legge, ma ora, che una legge è stata approvata, quali sono le responsabilità che ci interpellano? Ognuno per sé? C’è la possibilità di una riflessione condivisa che riporti la riflessione – anche dopo la legge – sulla responsabilità personale? E per una comunità (o collettività) c’è la possibilità di riflettere pacatamente su un tema delicato senza innalzare barricate pregiudiziali ed invece aiutando le persone a comprendere quali siano le questioni in gioco e, in definitiva, le nostre responsabilità?

Il titolo che abbiamo dato a questo incontro di Lunedì 9 aprile 2018 alle ore 21.00 presso la Biblioteca Comunale “A. Baldini” è preso da un interessantissimo articolo del prof. Carlo Casalone apparso nel mese di febbraio su “Aggiornamenti sociali“.

Per aiutarci nella riflessione abbiamo invitato don Massimiliano Cucchi, attualmente presbitero della zona pastorale di Morciano, insegnante di religione e insegnante di Bioetica presso l’ ISSR “A. Marvelli” di Rimini e San Marino – Montefeltro. Don Massimiliano, è laureato in medicina ed unisce le sue competenze teologiche a quelle di medico.
Abbiamo chiesto anche al dott. Antonio Polselli, medico oncologo e studioso di  questioni bioetiche, di aiutarci in questa riflessione che ha risvolti molto delicati, che impattano duramente sulla vita delle persone e delle famiglie.
Un’occasione di riflessione che vogliamo offrire alla nostra parrocchia, alla nostra Città e alla nostra Diocesi.

Appuntamento a lunedì 9 aprile 2018 alle ore 21 presso la Biblioteca comunale di Santarcangelo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: