Gratuità incompresa

volontariato

Non ci si abitua alla bellezza della gratuità.
E’ difficile non commuoversi di fronte all’impegno di tanti uomini e donne che si dedicano liberamente e gratuitamente per gli altri.
Il nostro tempo, a fianco a tanto egoismo, ha visto un fioritura di tante realtà di volontariato che, in vari campi, raccolgono e coinvolgono centinaia di persone pronte a rimboccarsi le maniche per il servizio degli altri e per il bene comune.

C’è però anche una gratuità incompresa che mi coinvolge direttamente ed è quella che riguarda la comunità ecclesiale.
Mi accorgo che molto spesso il servizio gratuito di tanti educatori ed operatori pastorali non viene considerato alla stessa stregua di altri servizi volontari; è come se fosse dovuto; è come se fosse scontato e, quindi, non valesse molto.

Anche il servizio di noi preti, a volte, è dato un po’ per scontato: qualcuno lo pretende, come e quando vuole, senza considerare che, anche dietro una scelta di vita totalmente dedicata al servizio, la componente della gratuità rimane l’elemento qualificante che a fatica si confronta con alcuni atteggiamenti pretenziosi.

Il mio  non è assolutamente uno sfogo, ma solamente una riflessione.
Mi chiedo come possiamo aiutarci a ricuperare il valore della gratuità anche dentro un “organismo istituzionale” come la parrocchia e la Chiesa. Come aiutare a cogliere il valore grande di un servizio svolto anche dentro l’ordinarietà della vita di una comunità. E’ una responsabilità che abbiamo perché da questo dipende molto del messaggio che testimoniamo.

Papa Francesco ripete spesso a noi preti che non dovremmo essere dei funzionari; ma se, nonostante tutte le nostre buone intenzioni parte della nostra gente continua a considerarci tali, cosa c’è che non funziona? cosa c’è che dovrebbe cambiare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: