Donne per la pace

La retorica scorre a fiumi in questa giornata dedicata alla donna.
Siamo così! Non riusciamo a fare di meglio!
E mentre qualcuno cerca di trasformare questa giornata nell’ennesimo carnevale a base di feste osé per sole donne, io – cercando di non scadere nella retorica – vorrei dire il mio grazie alle tante donne che hanno reso migliore il mondo e lo rendono migliore ogni giorno essendo pienamente donne, libere nella loro differenza e consapevoli della loro ricchezza.
Seguendo la scia del Presidente Mattarella, vorrei ringraziare e ricordare l’insostituibile contributo che le donne hanno dato e danno alla costruzione di un mondo che vuole la pace.

Se c’è un compito che storicamente è affidato alle donne, questo è proprio quello della pace.

Viviamo in tempi bui.
Quanto sta accadendo intorno a noi non promette bene.
Il ritorno di nazionalismi sempre più prepotenti, la voglia di mostrare i muscoli per affermare la propria potenza contro gli avversari, la crisi delle istituzioni mondiali e sovra-nazionali, l’indifferenza teorizzata e legalizzata nei confronti di moltitudini di persone che fuggono da scenari di guerra e di fame, la crisi della politica e della partecipazione alla cosa pubblica, la disoccupazione dilagante soprattutto per i giovani, le dipendenze che pervadono il sistema sociale … non so se sia un caso che pressoché tutti gli attuali protagonisti sulla scena siano maschi…

Di fronte a questa situazione penso che le donne – ancora – non abbiano fatto sentire con forza la loro voce personale e collettiva; penso che – ancora – non siano state messe in grado di suggerire e contribuire alla realizzazione di un modo nuovo di pensare e di affrontare la soluzione dei problemi che ci stanno intorno, nel mondo e anche in quella piccola parte di mondo che è la Chiesa (nonostante gli auspici di papa Francesco).

Questa giornata internazionale dei diritti della donna segna per noi una nuova possibilità.

Molta strada è stata compiuta da quando le donne erano totalmente discriminate. Le ricerche e gli studi affermano che ancora è ampio il margine per annullare ogni discriminazione… ma anche quando una parità effettiva (non ideologica) sarà raggiunta, ancora avremo molta strada da fare per far sì che ognuno (uomo o donna) possa esprimere il meglio di sé e cambiare il mondo portando il bene di cui è portatore a vantaggio per tutti.

Allora non avremo più bisogno di una “festa della donna” perché sarà “festa ogni giorno”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: