Chi inviti a casa tua?

quando-organizzi-un-banchetto-2

Lc 14,12-14

Il vangelo di oggi ci lancia una grossa provocazione sul tema dell’accoglienza.
Nessuno si può sentire a posto.
Un altra pagina del vangelo che preferiremmo Gesù non avesse scritto… Soprattutto se traduciamo quelle categorie sociali di Gesù in quelle più attuali degli esclusi del nostro tempo: nomadi, malati mentali, rifugiati, … Gesù ci dice: invitali a casa tua, … e sarai beato!
Non mi sento di dire nulla perché mi trovo molto in difficoltà, ma condivido questa testimonianza che ho trovato molto bella, soprattutto perché, come rivela il vangelo (“sarai beato”), comunica la gioia che nasce dall’accoglienza dell’altro: lui non ti può ricambiare, ma la gioia che sperimenti è grande.

http://www.newsrimini.it/2016/08/la-nostra-nuova-vita-con-harouna/

Grazie ai Busignani che ci hanno creduto… e per noi: Signore aumenta la nostra fede!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: