Per una Pastorale Vocazionale efficace

accompagnamento_spirituale1

Ieri, durante l’assemblea del presbiterio, don Cristian Squadrani (nuovo direttore del CDV di Rimini) ha tracciato un breve e semplice elenco di attenzioni per un pastorale vocazionale efficace. La cosa significativa è che tali osservazioni derivano dall’esperienza dell’incontro vissuta con tante persone, soprattutto i seminaristi, durante questi anni di servizio vocazionale.

  1. La prima condizione è vivere una proposta significativa di vita cristiana all’interno di una comunità. Un giovane che si interroga sulla vocazione, normalmente, viene da un’esperienza di Chiesa che lo ha generato (o rigenerato) e formato. Non importa quale sia l’esperienza, ma ha la caratteristica di essere esplicita.
  2. In questo percorso di vita cristiana e comunitaria, il/la giovane inizia un percorso di accompagnamento spirituale personalizzato con una guida, perché ha avvertito l’esigenza (o le/gli è stata proposta l’opportunità) di tradurre nella sua vita concreta la proposta del Vangelo. E’ un cammino di confronto che accompagna le scelte.
  3. In questo itinerario di accompagnamento la guida o altre persone, gli/le hanno rivolto delle proposte concrete adatte al suo cammino di crescita, proposte mirate e pensate per il suo cammino personale di sequela di Gesù (nell’ambito caritativo, della testimonianza personale, dell’approfondimento della preghiera, …)  Questa proposta è molto importante perché consente al/alla giovane di vivere l’esperienza della chiamata come qualcosa che è rivolto a lui/lei personalmente, che è stato pensato proprio per lui/lei( e non solo perché c’è bisogno).

A queste tre osservazioni corrispondono tre domande:

  1. stiamo facendo proposte incisive di vita cristiana e comunitaria ai giovani?
  2. chi lo propone e quando si propone un cammino personalizzato? chi svolge il servizio dell’accompagnamento spirituale?
  3. siamo in grado di pensare e condividere proposte che facciano fare l’esperienza della chiamata? chi le propone? come si condividono?

Mi sembravano spunti che meritavano di essere condivisi …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: