Sono tornati i Gruccioni

GRUCCIONI 1

Chi, in questi giorni, percorre la strada che da via Covignano conduce al parcheggio posteriore del Seminario può facilmente fare l’incontro con numerosi uccelli coloratissimi, chiamati Gruccioni.

Da quattro anni il seminario ospita periodicamente uno stormo di questi uccelli in migrazione dall’Africa che vengono qui per nidificare. Solitamente appaiono all’inizio di maggio e se ne vanno in estate inoltrata.

Hanno scelto il seminario perché sono soliti fare il nido nella sabbia e, sul colle di Covignano trovano un habitat ideale a causa della conformazione sabbiosa del terreno. La loro presenza rallegra noi, che abitiamo qui  e coloro che frequentano il seminario che, si trovano accolti ad uno spettacolo variopinto.

GRUCCIONI 2

Qualcuno sostiene che questo uccello è infestante perché si ciba di api e “insetti buoni”.  A me sembrano dei “migranti belli” e mi provocano sul fatto che, se sapessimo accogliere con più semplicità coloro che vengono da noi per cercare rifugio, forse anche la nostra vita sarebbe più festosa e colorata…

Bentornati Gruccioni!!!

Gruccioni 3

Da WIKIPEDIA:

I gruccioni sono socievoli, fanno il nido in colonie in banchi di sabbia, preferibilmente lungo le rive dei fiumi, di solito all’inizio di maggio. Scavano un cunicolo lungo anche 3-5 metri in fondo al quale depongono 5-8 uova sferiche. Una sola covata all’anno all’inizio di giugno. Sia il maschio che la femmina si prendono cura delle uova che vengono covate per circa 20 giorni. In Italia le colonie di nidificazione sono numerose, concentrate quasi esclusivamente in pianura e collina. La specie è molto numerosa nella pianura Padana, lungo la costaadriatica, in Toscana, Umbria, Lazio e nelle isole, negli ultimi anni sono stati fatti numerosi avvistamenti in tutta la Sicilia e in Puglia. Arriva tra la fine di aprile e maggio per ripartire ad agosto inoltrato.

Pubblicato da tecnodon

Prete cattolico ed educatore Parroco a Santarcangelo e Assistente AGESCI

One thought on “Sono tornati i Gruccioni

  1. Concordo con te don Andrea e la riflessione che hai fatto è molto bella. Ho letto che questi uccelli si nutrono anche di insetti non propriamente graditi da noi umani, come locuste e tafani. I Gruccioni sono componenti importanti dell’ecosistema, talmente importanti che sono tutelati dalle normative per la tutela della biodiversità… E poi, sempre e a tempo dovuto ritornano in Africa e allora penso ai nostri fratelli africani quando li rivedono… e mi piace pensare che al loro ritorno tutti proviamo lo stesso lieto stupore.
    E’ una bella cosa la loro presenza in seminario!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

In Senegal con Don Jean Paul

Venire col cuore attraverso un gesto

Centoquarantadue

Siamo in due, ci divertiamo a condividere i pensieri e a trasformarli in parole

Il treno delle pesche

Chiacchiere di cinematografia

Parrocchia Santarcangelo

San Michele Arcangelo

COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA - Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION - A missionary look on the life of the world and the church

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: