Il nuovo umanesimo in Gesù Cristo #Firenze2015

papa-francesco-firenze

Vorrei rimarcare l’importanza del discorso che il Papa ha tenuto ieri al V convegno nazionale della Chiesa che è in Italia, che si sta svolgendo a Firenze. Ho letto con entusiasmo questo discorso che, ritengo, sarà considerato un testo fondamentale per la nostra Chiesa italiana e sarà molto citato nelle settimane e nei mesi a venire.

Sono contento per coloro che hanno potuto ascoltarlo con le loro orecchie. Penso che si siano sentiti come mi sono sentito io quando, nel 2000, nella grande spianata di Tor Vergata, ho ascoltato dalla voce di Giovanni Paolo II le parole che ci ha rivolto durante l’omelia della messa, lanciando il tema del “laboratorio della fede” e con espressioni che sono diventare un manifesto per la pastorale giovanile italiana e mondiale. Sapevamo che quelle parole avrebbero fatto la storia!

Convegno-ecclesiale-nazionale-e-visita-del-Papa-a-Firenze-cresce-l-attesa.-Come-fare-per-partecipare_articleimageCi sono dei discorsi che fanno la storia e credo che, quello pronunciato ieri a Firenze, sia uno di questi. Nessuno può rimanere indifferente di fronte a queste provocazioni e a questo invito al cambiamento. Non ci si può attendere nulla di più esplicito.

A tutti noi adulti, l’invito a tradurre nei fatti queste parole di papa Francesco e, a noi educatori, la sfida di tradurre in cultura e proposta educativa quanto ci è stato così chiaramente illustrato e proposto.

#Umiltà, #disinteresse, #beatitudine: sono i tratti dell’umanesimo cristiano proposti da papa Francesco facendo riferimento agli affreschi della Cattedrale di Firenze e soprattutto al capitolo 2 della lettera di san Paolo ai Filippesi.

Il richiamo forte a due tentazioni: pelagianesimo e gnosi. La prima ci porta ad idolatrare i nostri progetti a discapito della realtà, nella sua semplicità. Ma è nella realtà che la presenza di Dio si manifesta, non nei nostri progetti perfetti ed efficienti. La seconda ci porta a rifugiarci in pensieri così alti e perfetti, che nulla hanno a che fare con la vita e la realtà delle persone, trasformando la fede in una ideologia o in un sistema di pensiero.

L’invito chiaro di papa Francesco è quello di rimettersi in cammino riprendendo la Evangelii gaudium come punto di riferimento per le nostre comunità a tutti i livelli.

Ci proveremo papa Francesco! Da subito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: