Due grandi e belle chiamate… un solo abbraccio

Accade che nella vita la provvidenza divina ci ponga di fronte a situazioni che agli occhi degli uomini possono sembrare di assoluto contrasto, … quasi inconciliabili. In una comunità religiosa di amiche, le Apostoline di Castelgandolfo oggi è un giorno di festa perché suor Francesca, suor Letizia e suor Debora presentano la loro professione perpetua. Sono ormai diversi anni che hanno intrapreso il loro camino vocazionale e oggi, 1 dicembre 2012, pronunciano il loro sì definitivo al Signore. Penso alle emozioni che sono nel loro cuore, a questo giorno atteso e preparato… penso alla gioia del loro sì, alla consapevolezza del dono totale della loro vita … tutto nel segno della bellezza.

Ieri sera, mi è stato comunicato da don Cristian che suor Annalisa, un’apostolina della medesima comunità, dopo un tempo di grave malattia e un breve momentaneo miglioramento, è stata chiamata dal Signore in quella che mi piace pensare sia la nostra chiamata definitiva, quella che passa attraverso la porta di sorella morte e che ci chiede di abbandonarci fiduciosi tra le braccia del Padre per accogliere il suo abbraccio eterno e infinito. Penso anche qui ai sentimenti di queste sorelle che per tanti anni hanno condiviso la vita e l’impegno apostolico, momenti di gioia e di fatica… e ora la fatica di fare i conti con la morte con un saluto.

Gioia e dolore, vita e morte, accoglienza e distacco … come fare unità? Come presentarsi oggi di fronte al Signore, con quale cuore e quali sentimenti?

Quello che agli occhi del mondo è solo contrasto, nel Signore e nella luce della risurrezione trova una meravigliosa sintesi. Il dono della nostra vita unita all’offerta della sua vita, la risposta alla sua chiamata scegliendo liberamente di essere tutti suoi, il portare in noi stessi il riflesso del suo volto che anche da risorto continua a custodire gelosamente i segni della passione, … questa è la sintesi e l’unità che il Signore ci invita a vivere.

Un abbraccio speciale a Debora, Francesca e Letizia per il dono che oggi fanno di sé stesse. Un abbraccio grato e un “a Dio” a suor Annalisa che ha risposto alla grande chiamata. Un abbraccio a tutte le apostoline che oggi vivono questa intensità di sentimenti pieni di commozione e di speranza.

A te, Signore che hai risposto sì alla chiamata dell’uomo, noi vogliamo ripetere oggi e fino al nostro ultimo giorno il nostro sì. Immagine

4 Risposte

  1. Un caro saluto alle sorelle apostoline.
    Grazie x questa riflessione!

  2. Grazie don Andrea! …

  3. Come sempre sento quello che dici e scrivi molto vero… Per me è una scoperta vivere il dolore e la gioia intensamente e contemporaneamente nello stesso cuore. Lo considero un dono grande di Dio. Grazie dell’amicizia che ci lega e ci rende possibile conoscerci e capirci così in profondità!

  4. Un saluto grande da Rimini non conosco suor Debora, ma Francesca e Letizia (se non ce ne sono altre). Vi abbraccio tutte e tre e ringrazio il Signore per la Vostra vita e per il vostri “si”. Abbiamo bisogno di persone come voi perchè ci possiate accompagnare nel nostro cammino verso Dio. Grazie…….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Mio fratello Aiman

Da Homs a Santarcangelo, progetto di accoglienza attraverso i Corridoi Umanitari

Una (P)parola condivisa

Condivisioni sulla Parola quotidiana e domenicale

ilbiancospino

poesia in foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: